Categorie
Diritto del lavoro

Consulta 2 – Jobs Act 1

Non tutto il Jobs Act è incostituzionale, anzi adesso sembrerebbe poter rimontare il 2 a 1 con la Consulta. Molto probabilmente la Corte d’Appello di Napoli, forte delle precedenti pronunce della Consulta n. 194/2018 e 150/2020, riteneva fosse giusto adire il Giudice delle leggi per pronunciarsi sulla disciplina licenziamenti collettivi post Jobs Act. La Corte […]

Categorie
Diritto del lavoro

Il CCNL che fa un passo avanti e due indietro

Persone molto più autorevoli del sottoscritto hanno considerato il CCNL firmato da UGL ed Assodelivery  come un passo avanti verso la regolamentazione dei riders e dunque non sarà di certo lo scrivente a contraddire questa affermazione, poiché anche secondo chi scrive il menzionato contratto collettivo rappresenta un punto di partenza che ha il pregio di […]

Categorie
Diritto del lavoro

Quello che le norme non dicono

Le norme non dicono quello che le esporrebbe ad una palese illegittimità costituzionale. Rimandando ad un altro articolo il riassunto delle puntate precedenti, il 14 agosto 2020 è uscito il nuovo Decreto Agosto che è ulteriormente intervenuta in materia di licenziamenti. Queste le declinazioni certe dell’art. 14: – non c’è più blocco dei licenziamenti se […]

Categorie
Diritto del lavoro

Smart working nella PA al 50%: la norma che incentiva al contenzioso

Con lo smart working nella PA al 50%, c’è il rischio che almeno il 50% dei dipendenti pubblici facciano ricorso. Ce ne sarebbero di cose da dire (in generale) sullo smart working e ce ne sarebbero ancora di più in merito al rapporto con la pubblica amministrazione, ma poiché di queste cose ho già parlato […]

Categorie
Diritto del lavoro

Il non senso della proroga automatica

Oltre al noto art. 93, comma 1, su cui già ho avuto modo di discutere, la Legge n. 77/2020 di conversione del Decreto Rilancio ha introdotto un nuovo comma 1-bis, su cui è necessario soffermarsi poiché introduce una proroga automatica di difficile comprensione (e senso) sui contratti a tempo determinato: «Il termine dei contratti di […]

Categorie
Diritto del lavoro

Il diritto allo smart working esiste, ma non è incodizionato

Buone nuove per chi si sta chiedendo se esiste o meno un diritto allo smart working.Il diritto c’è ed è più ampio di quanto si possa pensare, ma pur sempre a condizione che sia richiesto, possibile e giustificabile da parte del dipendente. Con decreto di rigetto n. 1054/2020 il Tribunale di Mantova ha ineccepibilmente interpretato […]

Categorie
Diritto del lavoro

Consulta 2 – Jobs Act 0

Come era prevedibile, la Consulta boccia per la seconda volta le tutele crescenti del Jobs Act. Questa volta però limitatamente alla singola mensilità per ogni anno di servizio in caso di vizi formali o procedurali del recesso. Così ne riferisce l’ufficio stampa delle Consulta: «La Corte costituzionale ha esaminato ieri, 24 giugno 2020, le questioni […]

Categorie
Diritto del lavoro

Lo Smart Working è un diritto?

A distanza di mesi dai vari inviti, raccomandazioni e diritti del Governo rimane da chiedersi ancora se lo smart working sia (o sia stato) un diritto? Un diritto soggettivo, sia pur sottoposto alla condizione che «tale modalità di lavoro sia compatibile con le caratteristiche della prestazione» è comunque previsto fino alla cessazione dello stato di […]

Categorie
Diritto del lavoro

Quousque tandem abutere, Nunzia, patientia nostra?

Un po’ come nelle Catilinarie di Cicerone che esordivano con «Quousque tandem abutere, Catilina, patientia nostra?», viene oggi da chiedersi «Fino a quando dunque, Nunzia, abuserai della nostra pazienza?» Sì, perché è intenzione del Ministro del Lavoro, Nunzia Catalfo, valutare in queste ore un’ulteriore proroga allo stop dei licenziamenti fino alla fine del 2020. Ripercorriamo […]

Categorie
Diritto del lavoro

I falsi miti sul Jobs Act

Rottamando l’art. 18 S.L., il Jobs Act è stato in questi anni talmente demonizzato da creare dei veri e propri falsi miti. Non v’è dubbio che l’intenzione originaria del legislatore con la Legge Delega n. 183/2014 fosse di limitare «il diritto alla reintegrazione ai licenziamenti nulli e discriminatori e a specifiche fattispecie di licenziamento disciplinare […]